Energia: fusione, sempre più vicino progetto DTT in Italia

Sempre più vicino il progetto da 500 milioni di euro per realizzare in Italia l’impianto sperimentale di fusione nucleare DTT, Divertor Tokamak Test Facility. Dopo la risoluzione approvata alla Camera che impegna il Governo, questa settimana Eurofusion ha lanciato la fase finale per finanziare il progetto. Intervista a Flavio Crisanti, Dipartimento Fusione e Sicurezza Nucleare - ENEA.

Comments

Sempre più vicino il progetto da 500 milioni di euro per realizzare in Italia l’impianto sperimentale di fusione nucleare DTT, Divertor Tokamak Test Facility. Dopo la risoluzione approvata alla Camera che impegna il Governo, questa settimana Eurofusion ha lanciato la fase finale per finanziare il progetto. Intervista a Flavio Crisanti, Dipartimento Fusione e Sicurezza Nucleare - ENEA.

ProduttoreENEA Channel
Autori
  • Laura Moretti
Contattiscrivi al produttore
Data13/04/2017
LinguaItaliano
YouTube Vai al video

Descrizione completa

Sempre più vicino il progetto da 500 milioni di euro per realizzare in Italia l’impianto sperimentale di fusione nucleare DTT, Divertor Tokamak Test Facility. Dopo la risoluzione approvata alla Camera che impegna il Governo, questa settimana Eurofusion ha lanciato la fase finale per finanziare ...

Leggi

Sempre più vicino il progetto da 500 milioni di euro per realizzare in Italia l’impianto sperimentale di fusione nucleare DTT, Divertor Tokamak Test Facility. Dopo la risoluzione approvata alla Camera che impegna il Governo, questa settimana Eurofusion ha lanciato la fase finale per finanziare il progetto.

Stiamo parlando di un cilindro ipertecnologico alto 10 mt con raggio 5, all’interno del quale saranno confinati 33 m cubi di plasma alla temperatura di 100 milioni di gradi con una intensità di corrente di 6 milioni di Ampere e un carico termico sui materiali fino a 50 milioni di watt per metro quadro. Obiettivo: testare configurazioni magnetiche innovative e nuovi materiali come i metalli liquidi per i grandi progetti di fusione nucleare ITER e Demo.

Flavio Crisanti ENEA - “DTT rappresenta una grande sfida tecnologica per il nostro Paese che potrà dare lavoro a 2mila persone, generare un giro d’affari di 2 miliardi di euro e riqualificare il tessuto industriale nazionale. Le attività sarebbero condotte da ENEA, CNR, INFN e consorzio CREATE, in stretta collaborazione col sistema industriale ed universitario italiano”. Auspichiamo che a dicembre abbia inizio la fase 3 del progetto, quella realizzativa, quando contiamo di avere a disposizione i fondi dal Governo italiano e dalla Commissione Europea”.

powered by Disqus

ENEA - Lungotevere Thaon di Revel, 76 - 00196 ROMA – Italia - Partita IVA 00985801000 - Codice Fiscale 01320740580