Quando l'arte orafa incontra la tecnologia

Tecnologie di progettazione CAD/CAM, prototipazione rapida, ingegneria inversa sono queste le nuove tecnologie per il settore orafo.

Comments

Tecnologie di progettazione CAD/CAM, prototipazione rapida, ingegneria inversa sono queste le nuove tecnologie per il settore orafo.

ProduttoreENEAWebTV
Autori
  • Stefania Marconi,
  • Roberto Ciardi
Contattiscrivi al produttore
Data26/07/2010
LinguaItaliano
YouTube Vai al video

Descrizione completa

Prima di diventare un gioiello questo era un vero e proprio ortaggio. Vi starete chiedendo come sia stata possibile questa trasformazione. Il segreto è racchiuso nel laboratorio ProtoCenter del Centro Ricerche ENEA ...

Leggi

Prima di diventare un gioiello questo era un vero e proprio ortaggio. Vi starete chiedendo come sia stata possibile questa trasformazione. Il segreto è racchiuso nel laboratorio ProtoCenter del Centro Ricerche ENEA di Bologna.

Sergio Petronilli (ENEA)Abbiamo uno scanner a triangolazione laser che consente di trasformare un oggetto reale in un modello virtuale. Questa tecnologia è molto interessante per le aziende, soprattutto per le aziende di oggetti moda perché consente loro di trasformare in oggetti di gioielleria oggetti reali secondo la creatività del designer”.

Accanto al tradizionale banchetto, l’artigiano orafo ora ha a disposizione nuovi strumenti di lavoro che si chiamano tecnologie CAD/CAM che servono a progettare, modellare e realizzare gioielli. Creare anelli, ciondoli, orecchini dalle geometrie complesse e ardite non ha più limiti.
Così, dall’idea dell’artista i gioielli prendono forma in modelli virtuali in 3D, progettati nei particolari e pronti per l’incassatura delle pietre preziose. Poi, con la macchina di prototipazione rapida il modello virtuale diventa un modello reale in cera, necessario all’artigiano orafo per creare con le sue mani il gioiello.

Sergio Petronilli (ENEA)A partire da un modello tridimensionale si realizzano degli strati di cera per cui la macchina deposita uno strato di cera molto sottile uno sull’altro fino ad ottenere il modello completo. Il vantaggio competitivo delle aziende è molto grande perché in questo modo si possono realizzare dei modelli per i quali non si ha nessuna limitazione nella geometria".

Il laboratorio ProtoCenter dell’ENEA svolge da anni attività di innovazione e trasferimento tecnologico nel Distretto Orafo di Arezzo, uno dei più importanti in Italia con le sue 1.300 aziende e gli oltre 12.000 addetti. E dal 2005, insieme all’associazione culturale Scintec e ad Ecipar, la società di formazione della Confederazione Nazionale dell’Artigianato, organizza corsi di formazione sulle tecnologie CAD/CAM anche per gli artigiani orafi della Provincia di Bologna.

Antonio Tortora(Scintec)L’attività di Scintec è prevalentemente quella di formazione, formazione nell’ambito delle nuove tecnologie. Gli artigiani di una volta erano persone che lavoravano esclusivamente con le mani. Adesso questa collaborazione con ENEA ci ha messo in condizione di apprendere queste nuove tecnologie".

In un settore come quello orafo puntare sulla formazione di nuove figure professionali, con abilità artigiane e competenze tecnologiche, permette di essere competitivi sul mercato per qualità e costi di produzione.

Silvia Lolli (orafa) “Ho appreso diverse tecniche di progettazione e di modellazione per la gioielleria che mi hanno aiutato a creare dei modelli di gioielli diversi da quelli che normalmente si possono creare a banchetto lavorando semplicemente l’oreficeria classica”.

Accanto ai corsi di formazione sta per partire un’altra iniziativa che coinvolgerà tutti i laboratori orafi sulla via Emilia, da Ravenna a Piacenza.

Antonio Tortora(Scintec)Via Emilia 750 è un progetto di commercio elettronico che vedrà molti associati dell’associazione Scintec riunirsi sotto questo marchio-ombrello per poter commercializzare a livello internazionale i propri prodotti artigianali e di altissima gamma”.

powered by Disqus

ENEA - Lungotevere Thaon di Revel, 76 - 00196 ROMA – Italia - Partita IVA 00985801000 - Codice Fiscale 01320740580