Musei Vaticani ed ENEA per la tutela dei Beni Culturali

I Musei Vaticani e l'ENEA hanno presentato un Accordo di collaborazione tecnico-scientifica per la tutela dei beni culturali. Alla manifestazione tenutasi il 23 gennaio presso i Musei Vaticani, sono intervenuti: Antonio Paolucci, Direttore dei Musei Vaticani, Giovanni Lelli, Commissario dell'ENEA, Ulderico Santamaria, Dirigente del Laboratorio di Diagnostica per la Conservazione e il Restauro dei Musei Vaticani, Giorgio Fornetti, Coordinatore trasferimento innovazione nel settore dell'optolettronica dell'ENEA.

Comments

I Musei Vaticani e l'ENEA hanno presentato un Accordo di collaborazione tecnico-scientifica per la tutela dei beni culturali. Alla manifestazione tenutasi il 23 gennaio presso i Musei Vaticani, sono intervenuti: Antonio Paolucci, Direttore dei Musei Vaticani, Giovanni Lelli, Commissario dell'ENEA, Ulderico Santamaria, Dirigente del Laboratorio di Diagnostica per la Conservazione e il Restauro dei Musei Vaticani, Giorgio Fornetti, Coordinatore trasferimento innovazione nel settore dell'optolettronica dell'ENEA.

ProduttoreENEAWebTV
Autori
  • Massimo Maffioletti,
  • Paola Giaquinto
Contattiscrivi al produttore
Data28/02/2014
LinguaItaliano
YouTube Vai al video

Descrizione completa

 

ENEA e i Musei Vaticani insieme per la tutela dei Beni Culturali.
Questo il cuore dell’accordo, siglato in Vaticano, per una collaborazione tecnico-scientifica tesa a sviluppare ed applicare le tecnologie più avanzate per la protezione del ...
Leggi

 

ENEA e i Musei Vaticani insieme per la tutela dei Beni Culturali.
Questo il cuore dell’accordo, siglato in Vaticano, per una collaborazione tecnico-scientifica tesa a sviluppare ed applicare le tecnologie più avanzate per la protezione del patrimonio artistico, architettonico e ambientale.
Un accordo per soddisfare le problematiche della gestione, fruizione, conservazione e restauro dell’immenso patrimonio artistico presente nei Musei Vaticani grazie al lavoro congiunto delle strutture tecnologiche dell’ENEA e del Laboratorio di Diagnostica per la Conservazione e il Restauro dei Musei Vaticani.
Antonio Paolucci - Direttore Musei Vaticani
"Oggi si sono alleate due eccellenze i Musei Vaticani, con quello che significano gli occhi del mondo con i suoi 5 milioni e mezzo di visitatori ogni anno, con i suoi tesori artistici celebri ovunque e l’ENEA la grande Agenzia italiana di tecnologie di frontiera. Un’alleanza tra due eccellenze che porterà risultati, io ne sono convinto, di assoluto prim’ordine."
La collaborazione potrà contare su una vasta gamma di tecnologie innovative per le indagini diagnostiche, per la protezione nei trasporti di opere d’arte, per l’impiego avanzato dell’ICT per la  fruizione delle opere d’arte, per il recupero del patrimonio architettonico e monumentale, incluse attività di studio ed analisi energetico-ambientali per una gestione ecocompatibile.
Giovanni Lelli - Commissario ENEA
"Sviluppo sostenibile vuol dire anche occuparsi di beni culturali non farsi sfuggire alcuna occasione di applicazione delle nostre tecnologie è un dovere in senso assoluto ma in questo momento storico particolare perché ci aiuta a uscire dalla crisi".
I beni culturali costituiscono una parte importante della nostra economia, perché rappresentano un punto di riferimento fondamentale sia per l'identità nazionale, sia per la formazione di capitale umano e sociale. Il loro ruolo, dall’industria della comunicazione e del turismo, alle arti e alla conoscenza, rende il patrimonio culturale un formidabile strumento di potenziale sviluppo economico.

ENEA e i Musei Vaticani insieme per la tutela dei Beni Culturali. Questo il cuore dell’accordo, siglato in Vaticano, per una collaborazione tecnico-scientifica tesa a sviluppare ed applicare le tecnologie più avanzate per la protezione del patrimonio artistico, architettonico e ambientale.Un accordo per soddisfare le problematiche della gestione, fruizione, conservazione e restauro dell’immenso patrimonio artistico presente nei Musei Vaticani grazie al lavoro congiunto delle strutture tecnologiche dell’ENEA e del Laboratorio di Diagnostica per la Conservazione e il Restauro dei Musei Vaticani.  Antonio Paolucci - Direttore Musei Vaticani"Oggi si sono alleate due eccellenze i Musei Vaticani, con quello che significano gli occhi del mondo con i suoi 5 milioni e mezzo di visitatori ogni anno, con i suoi tesori artistici celebri ovunque e l’ENEA la grande Agenzia italiana di tecnologie di frontiera. Un’alleanza tra due eccellenze che porterà risultati, io ne sono convinto, di assoluto prim’ordine." La collaborazione potrà contare su una vasta gamma di tecnologie innovative per le indagini diagnostiche, per la protezione nei trasporti di opere d’arte, per l’impiego avanzato dell’ICT per la  fruizione delle opere d’arte, per il recupero del patrimonio architettonico e monumentale, incluse attività di studio ed analisi energetico-ambientali per una gestione ecocompatibile. Giovanni Lelli - Commissario ENEA"Sviluppo sostenibile vuol dire anche occuparsi di beni culturali non farsi sfuggire alcuna occasione di applicazione delle nostre tecnologie è un dovere in senso assoluto ma in questo momento storico particolare perché ci aiuta a uscire dalla crisi" I beni culturali costituiscono una parte importante della nostra economia, perché rappresentano un punto di riferimento fondamentale sia per l'identità nazionale, sia per la formazione di capitale umano e sociale. Il loro ruolo, dall’industria della comunicazione e del turismo, alle arti e alla conoscenza, rende il patrimonio culturale un formidabile strumento di potenziale sviluppo economico.

powered by Disqus

ENEA - Lungotevere Thaon di Revel, 76 - 00196 ROMA – Italia - Partita IVA 00985801000 - Codice Fiscale 01320740580